I fatti di Bibbiano secondo la Lega


È impossibile non aver sentito parlare di Bibbiano, (se è successo clicca qui che abbiamo cercato di fare il punto della situazione)  soprattutto per il solito motivo: è stato usato per fare propaganda.

A mancare all’appello delle dichiarazioni e dei commenti sui fatti di Bibbiano non è ovviamente mancata la Lega ed il Ministro degli Interni Matteo Salvini, i quali però non hanno agito sul proprio sito ufficiale ma hanno preferito il ricorso alla loro arma più potent: i social.

Con una veloce ricerca su Twitter, si può leggere subito:
Pazzesco… Chissà quanti altri bambini sono stati strappati dalle loro famiglie, a Bibbiano e in tutta Italia. Da papà e da ministro, mi auguro che Giustizia sia presto fatta, perché chi fa business sulla pelle dei bimbi deve pagare il doppio.

Questo il primo Tweet di Salvini, a cui seguono commenti dai suoi sostenitori come PD=VIOLENZE PSICOFISICHE SUI BAMBINI.

Successivamente, Matteo Salvini, pubblica un pezzo di una sua intervista con commento : Non solo #Bibbiano, sono anni che la Lega denuncia il problema delle case famiglia e degli affidi illegali.

Continuando a scorrere tra i suoi vari profilo Facebook e Twitter, quello che appare è ancora tutto uguale: post e post di solidarietà, di denuncia, di ‘’io lo dico da anni’’, ma mai, mai un post su ciò che è successo.
Non si nomina mai un’inchiesta, non si fa un nome, non si spiegano gli eventi.
C’è soltanto il classico paradigma leghista: si fomenta. Odio, rabbia, sconforto, preoccupazione, bisogno di sicurezza. Si fomenta.